Un caso positivo al Covid-19 e due casi sospetti

Dicembre 24, 2020 | By zin | Filed in: casi clinici.

Una donna di 35 anni (madre di due bambini piccoli) ci ha consultato il 26 maggio 2020 con sintomi di tosse secca e dolore toracico nel cuore della notte. Durante i gravi attacchi di tosse, si sentiva avanti e indietro senza fiato.

Era estremamente timorosa mentre viveva in un appartamento nella zona hotspot e ogni giorno ascoltava sirene di ambulanze che arrivava a prendere qualcuno. Aveva sintomi dal 19 maggio 2020 e aveva assunto un trattamento allopatico per lo stesso con non molto sollievo.

Durante la consultazione mi ha informato che il BMC (Municipal Body of Mumbai, India) sarebbe spesso venuto a sanificare il loro edificio, e in seguito i residenti si sarebbero anche autopuliti con acqua. Tuttavia, l’ultima volta non l’hanno lavato via e il forte odore delle sostanze chimiche di sanificazione ha portato all’inizio dei suoi sintomi.

Ha sviluppato febbre con brividi e vertigini. Aveva sete e aveva perdita di gusto qualche giorno fa, ma questo fu riconquistato il 26 maggio. Poiché i suoi sintomi erano indicativi del Covid, le abbiamo chiesto di farsi testare. Era estremamente preoccupata per ciò che sarebbe successo ai suoi figli, e chi si sarebbe preso cura di loro se fosse risultata positiva. Non aveva sete, e aveva perso ogni senso del gusto.

Era estremamente debole ed era sempre sdraiata sul suo letto. Le sue febbri sarebbero arrivate generalmente nel pomeriggio intorno alle 16 e sarebbero state accompagnate da forti mal di testa.

Sulla base di questa breve storia e sintomatologia è stata iniziata con Ars Alb 1M dopo l’individualizzazione e la repertoriazione come di seguito.

Era sintomaticamente migliore il 27 e 28 maggio. Non aveva febbre in entrambi questi 2 giorni e non aveva alcun dolore al petto. Dato che era meglio, ha smesso di prendere Ars Alb 1M senza consultarci il 27 maggio di notte.

I suoi risultati covid sono risultati positivi il 28 maggio. Fu allora che il marito ci chiamò di nuovo in grave panico, dal momento che l’edificio aveva già avuto altri casi positivi, avevano già chiamato l’ambulanza per il paziente. La paziente stessa era in grave panico e disse che si sentiva irrequieta e senza fiato. Non c’era febbre e solo debolezza. È stata ricoverata all’ospedale Somaiya la 28esima notte. La sua SPO2 era al 98% al momento dell’ammissione.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *